Home
B&B "La Piazzetta"
P.zza dell'Immacolata, 2
09031 Arbus (CA)

lapiazzettaweb@lapiazzettaweb.com
 Home | Camere | Cucina | Prezzi | Dove siamo | Turismo ad Arbus | Contatti

Turismo ad Arbus
Il mare
Il Comune di Arbus offre ben 47 km di costa, da Capo Pecora a Capo Frasca: un mare cristallino e incontaminato , più volte premiato da Lega Ambiente - Touring Club con l'ambito premio "Le 5 Vele", e fondali di caraibica bellezza. Sono presenti coste alte e rocciose, calette solitarie e sabbiose, spiagge lunghissime e bellissime.
Le dune di Piscinas, che con la loro altezza di 60 metri sono le più alte d'Europa si estendono per alcuni km, lambiscono il mare e penetrano nell'entroterra, punteggiate da rigogliosi ginepri. Notissime anche la Costa Verde, le dune di Pistis, le località marine di Torre dei Corsari, Porto Palmas, Gutturu 'e Flumini e Portu Maga.
Dune di Piscinas
Uno scorcio delle dune di Piscinas

Miniere di Montevecchio
Le miniere di Montevecchio

Il cervo sardo
Il cervo sardo

Le miniere

All'interno del territorio si possono visitare le vecchie miniere di zinco e piombo delle frazioni di Ingurtosu e Montevecchio, riconosciute dall'Unesco quali Patrimonio dell'Umanità.
Negli anni '40 erano il bacino piombo argentifero più importante d'Europa, con oltre 100 km di gallerie che giungono a notevoli profondità.
Questo notevole patrimonio storico-culturale è da alcuni anni oggetto di studi e progetti, il più importante dei quali è la creazione del Parco Geo-Minerario, una grande area dove vengono valorizzati sia la restaurazione e ristrutturazione architettonica dei diversi siti secondo le strutture originali, sia la selvaggia bellezza del paesaggio e del patrimonio naturalistico, caratterizzato dalla presenza di boschi di lecci, ginepri, lentischio e macchia mediterranea abitati da cinghiali, cervi, aquile, falchi, poiane, volpi, gatti selvatici e donnole.
Vi sono poi tantissime località belle da vedere: intensi panorami, profonde gole, aspre montagne; le mille sfaccettature del nostro paesaggio sono veramente stupende e chi è già venuto a trovarci ve lo confermerà!


Ad Arbus

Ad Arbus è d'obbligo una visita al Museo del Coltello, realizzato all'interno di una casa del '700: si possono ammirare centinaia di vecchi coltelli, da quelli nuragici e pre-nuragici di ossidiana e di bronzo, a rari pezzi risalenti all'epoca di Eleonora d'Arborea. La grande attrazione è rappresentata dal coltello più grande del mondo: un coltello a serramanico ("arresoja" in sardo) col manico in legno e la lama panciuta d'acciaio, secondo il tipico schema de "Sa Arburesa", della lunghezza complessiva di oltre 6 metri!
Da non perdere le sagre paesane: S. Lussorio, Madonna d'Itria, la Mostra dei Funghi e la più caratteristica, quella di S. Antonio di Santadi, della durata di tre giorni (a partire dal secondo sabato di Giugno), durante i quali avviene il pellegrinaggio dei fedeli da Arbus alla frazione di Santadi (circa 40 km) e ritorno, a